Storie di tutte le cose visibili e invisibili



giovedì 3 ottobre 2013

Sono una donna tollerante e democratica, ovvero le cose che non sopporto.



Quelli che per svoltare non mettono la freccia.
Quelli che si ostinano a parcheggiare in retromarcia per essere già in posizione favorevole alla partenza, anche quando la logica suggerirebbe il contrario (se sei al supermercato e poi devi aprire il bagagliaio per caricare la spesa, che senso ha?).
Quelle con il girasole finto sul lunotto; ma lo danno in dotazione con la Mini?

Quelle che non hanno mai fatto nessun tipo di attività fisica e che non hanno mai avuto problemi di mal di schiena, cervicali, ginocchia rovinate.
Che tutti dicono che fare sport fa bene, e a me sembra che muoiono solo gli sportivi.
Quelli che si nutrono solo di schifezze, hanno le fattezze di un rinoceronte, e non si ammalano mai.
Quelle che portano solo perizomi in materiale plastico, pantaloni strettissimi, non bevono niente se non l’aperitivo, hanno una vita sessuale quantomeno discutibile e non hanno mai avuto una cistite.

Quelle che dicono “io non potrei mai tradire mio marito” ma hanno una doppia vita e manco se ne sono accorte.
Quelli che non giudicano mai, ma pensano tutto il male possibile, e comunque una botta alla segretaria almeno una volta nella vita ce l’hanno data.

Le persone arroganti e aggressive.
Mi fanno piangere perché non c’è modo di disarmarli, e riescono sempre a ferirmi.
I guerrafondai.
I dissennatori.


Le giornate umide che ti svegli con gli occhi gonfi e la biancheria non si asciuga mai, che poi puzza di marcio e la devi rilavare.
Sulla base di questa dichiarazione, il fatto di vivere sopra una ex palude non agevola di certo il mio benessere.

I ristoranti vuoti.

La pizza fredda.

Gli ortopedici con tariffario superiore ai 140 euro che hanno pure il coraggio di chiederti se ti serve la fattura.

Paola Perego.

I peperoni, l’aglio e la cipolla.


I cake design.
Che non vuol dire niente, dovrei dire i “cake designer” oppure i “dolci decorati”.
Ma ormai è come dire “facciamo l’aperitivo”.
Neologismidimmerda.

I negozi senza bagni.
I bagni senza bidet.
Il sapone neutro.

La cistite interstiziale.

Le scarpe con la zeppa (credo di averlo già detto).

Quelli che in palestra stanno seduti sugli attrezzi e intanto aggiornano lo stato su Facebook.

Quelli che comprano le cene su Groupon.
E anche gli abbonamenti alla palestra, pagando in 6 mesi quello che io pago ogni trenta giorni.

E poi la gente.
In genere tutta la gente, non la sopporto.

12 commenti:

  1. Mi ritrovo, non in tutto ma mi ritrovo, soprattutto nella conclusione!!!
    Un sorriso
    Anna

    RispondiElimina
  2. La ggggente sono insopportabili, darling.
    Concordo praticamente su tutto.
    Hai dimenticato la ricrescita sui capelli.

    RispondiElimina
  3. Avevo scritto un commento ma nn lo trovo. L'aglio, la gente che puzza d'aglio, la gente scema anche se non puzza d'aglio, sballasti e consorte con e senza aglio. E per inciso...ti voglio bene anche io
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raffalla che so' le sballasti ???

      Elimina
  4. si, però la "gente" siamo anche noi.
    Daniela

    RispondiElimina
  5. condivido tutto. e purtroppo ho condiviso molte cistiti. Se a qualcuna puo' essere utile questo sito mi ha aiutato moltissimo :
    http://cistite.info/joomla/
    Scusa se ho approfittato, ma se può aiutare qualcun altro...
    baci
    Giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi, grazie mille per la segnalazione.
      Ho consultato il sito, come decine di altri dedicati, ma sfortunatamente la mia cistite non è batterica.
      Dura senza sosta dal 20 Agosto e ho fatto tutto e il contrario di tutto.
      Speriamo bene... grazie !

      Elimina
  6. @Daniela: sì certo lo so. Infatti ci sono giorni in cui non sopporto neanche me stessa.

    RispondiElimina