Storie di tutte le cose visibili e invisibili



venerdì 31 gennaio 2014

Cultura generale



C’è ancora ggggente che mi scrive commenti irritati relativi al fatto che – a loro insindacabile parere – i miei post sono scritti per ferire la nicchia e conquistare la massa.
E pensare che il mio obiettivo è di ferire la massa e conquistare la nicchia.
Cioè, ho votato Pippo Civati. Vedete un po’ voi.
Io comunque, quelli che mi criticano non li pubblico.
Ecco.

La Valérie Gewurztraminer Premieredame ha rotto le balle.
Che se dovessimo ricoverare tutti i cornuti, non ci sarebbe spazio per i malati veri.
E prima dice che è stata umiliata pubblicamente, e ‘mo non vuole scrivere più di politica.
Almeno ti hanno sostituita con una maggiorenne, fattene una ragione.
Un paio di Tavor, qualche mese di elaborazione del lutto, iscriviti in una palestra e fatti  un toy boy. Vedrai che passa.

A proposito di palestra, ho cambiato palestra.
Mi sono iscritta in un posto freddo e piuttosto fetido, mal frequentato e mal gestito.
Il vantaggio è che è semi deserto, e non c’è mai coda ai tapis roulant.
Lo svantaggio è che sono ingrassata di 4 chili.

Ho uno smarfon costosissimo, e sono confusa.
Sono in preda di un profondo disagio elettronico (da quando non si fanno più i manuali di istruzioni all’uso?) e vittima di una batteria che garantisce al massimo 4 ore di attività. Cioè, sono in quel limbo che sta tra l’incomprensione e la dipendenza.

Tipo, ancora non ho ben capito come funziona Twitter.
Però vi notifico che ho Francesco Facchinetti tra i miei follower.
Che i casi sono due: o sono precisa precisa alla Marcuzzi, oppure non gli passa niente.

Ho realizzato che arrivo sempre tardi.
Sono approdata a Facebook quando tutti ormai erano sul pezzo.
Ora arrivo a Twitter e Nicola Savino si toglie perché orami è sorpassato, e bisogna stare su Vine.
Insomma, rallentate. Io non vi sto dietro.

Da giorni si parla esclusivamente del triangolo Buffon/Seredova/D’Amico, mi sembra un segnale importante. Quasi quasi butto lo smartfon e mi abbono a Chi.

12 commenti:

  1. Anch'io ho votato Civati. Anch'io sono per la nicchia. Sempre stata una minoranza. Sempre. In un mondo di minorati me ne vanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto sono colta da crisi del tipo "sono stufa di essere diversa".
      Devo dire che voi mi aiutate molto.
      Ciao Sandrina, grazie ...

      Elimina
  2. Siamo state almeno in tre allora. Snobbiamo le masse! :D
    Tu sei una forza, a parer mio. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parer mio, con quel nick name, sei una forza pure tu.
      Baci !!

      Elimina
  3. Pure a parer mio.. ma cheggente davvero! Bleah! Un bacione stellina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti ... sono tutta gggente invidiosa ...

      Elimina
  4. La gggente non sanno leggere. O se leggono, non capiscono 'na mazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica, sono i modelli base.
      Beati loro.
      Oppure no.

      Elimina
  5. Ma che massa e massa! Qui siamo solo massicce (in senso lato e traslato), donne di peso, non fisico, una nicchia mica da poco. Fai bene a non pubblicarli, c'è gente che sembra fatta apposta per rompere le scatole.

    RispondiElimina